Home Page Cenni storici Palazzo Miceli L' Occitano San Sisto oggi
L’ Associazione Culturale Femminile S. Sisto dei Valdesi

Eventi

  Museo


Inaugurazione Lapide Commemorativa eccidio dei Valdesi

Il nuovo libro sui Valdesi di Calabria

Il progetto sulla lingua occitana…
Convegno 2006: presentazione della ricerca storica “Ricchi nella fede e poveri in spirito”
Convegno 2007: "La storia dei Valdesi a San Sisto"

Convegno 2008: "I Valdesi a Salerno"

Convegno 2009: "Il Museo veicolo di cultura"
 
 
 

 Gli Eventi del 2008


 
 Il 10 Agosto 2008 l’Associazione ha organizzato la quinta edizione della mostra-mercato e la rappresentazione degli antichi mestieri tra i vicoli del borgo. Si è voluto dare particolare rilevanza all’iniziativa gastronomica dedicata alle “Lagane”, le tagliatelle realizzate dai bambini guidati dalla socia Angela Pignataro; a ciascun piccolo cuoco è stato consegnato un attestato di partecipazione. In serata, nel palazzo Miceli, si è svolto il convegno sul tema “L’economia Valdese”; hanno relazionato Mario Spizzirri (storico calabrese) Cesare Milaneschi (pastore valdese), è intervenuto Antonio Perrotta, membro dell’Accademia Montaltina degli Inculti. Ha introdotto l’argomento il presidente dell’associazione Maria Mirandola ed ha moderato Beatrice Anna Perrotta, pubblicista. Al dibattito hanno anche preso parte le istituzioni locali: sono intervenuti il sindaco di San Vincenzo La Costa, Vincenzo Leonetti e l’assessore alla Cultura, Ranieri Scarpellini. La tavola rotonda è servita a far conoscere le attività economiche legate al popolo valdese, un popolo di contadini, di abili artigiani, bravi anche nell’allevare il baco da seta e conciare le pelli.
   Nel corso del 2008 l’Associazione Culturale Femminile San Sisto dei valdesi ha collaborato con Esperia (società di servizi), per conto della Comunità Montana Media Valle Crati, allo sviluppo del progetto “Fra gli antichi borghi della media valle Crati”. La realizzazione del progetto, relativa all’Associazione, consiste nell’esposizione di piante officinali e aromatiche usate dai valdesi, piante che sono state inserite in un percorso iconografico valdese che presto sarà visitabile nel palazzo Miceli.

 

 

 


Il convegno sui Valdesi a Salerno

   Il 4 ed il 5 dicembre 2008, nell’Università degli Studi di Salerno, Dipartimento di Teoria e Storia delle Istituzioni e poi in replica nella Fondazione Pagani, Società di Studi Valdesi, si è tenuto il Convegno Internazionale di Studi sul tema “Valdismo Mediterraneo tra medioevo e prima età moderna”. Ha Presieduto Aurelio Musi, Direttore del Dipartimento di Teoria e storia delle istituzioni; a seguire, sono intervenuti Adalgiso Amendola, Preside della Facoltà di Scienze politiche e Alfonso Tortora che ha offerto e illustrato nuove fonti di studio sugli insediamenti valdesi nel Mezzogiorno d’Italia. Claudio Azzara si è soffermato sul ruolo della Chiesa e del Papato nel Medioevo, mentre Marco Fratini, Direttore della Società di studi valdesi in Piemonte, ha sviluppato il tema “I valdesi fra le Alpi ed il Mezzogiorno” suggerendo nuovi spunti per una nuova lettura della “geografia valdese”. L’argomento “Fra il Mediterraneo e l’Europa” è stato poi approfondito da Francesco Barra che ha illustrato nuove fonti storiche sugli insediamenti valdesi in Campania e Capitanata, mentre Eduardo Zumpano , attraverso una vasta documentazione, ha sottolineato il valore delle fonti del Venerabile Hospedale di Spezzano Piccolo. Per i valdesi, nel Mezzogiorno d’Italia, ha relazionato Renata Ciaccio che, in modo esaustivo e dettagliato, ha ricostruito la struttura delle famiglie e dei patrimoni delle comunità valdesi in Calabria avvalendosi degli atti notarili relativi ai valdesi di S. Sisto, Vaccarizzo e Guardia; Antonio Perrotta si è invece espresso su alcuni atti riguardanti la territorialità e l’entità della popolazione Valdese di S. Sisto; il suo intervento è stato supportato da un folto apparato fotografico realizzato ad hoc. “ Fra Europa e Sud Italia” è il tema che Jean François Gilmont e Albert de Lange hanno rispettivamente dibattuto a partire da La corrispondance de Gianluigi Pascale: une propagande organiche par un martyr e L’eco delle stragi calabresi nella pubblicistica di area tedesca. Preziosa la presenza di svariati docenti: Azzara, Barra, Brancaccio, Novi, Chavarria, Cirillo, Cozzetto, Noto e Musi. Le conclusioni dell’ampio evento-dibattito di ricerca e cultura sono state affidate alle sapienti parole di Jean François Gilmont dell’Université Catholique de Louvain.
 

Salerno - ”Valdismo Mediterraneo tra medioevo e prima età moderna”

 

 


 

Beatrice Anna Perrotta

Come contattarci:  cell. 334/1248495-tel.0984/936064 - email info@sansistodeivaldesi.it

Web Master - Maurizio ACETO